Vacallo , 01 dicembre 2018

Egregi Municipali, Egregi Colleghi di Consiglio Comunale,

È datata 12 Novembre l’ordinanza sulla tassa base e sulle tasse causali concernenti la gestione dei rifiuti che va a specificare i dettagli per l’applicazione del regolamento approvato lo scorso 26 Marzo.

L’ordinanza in oggetto va a specificare tra l’altro l’ammontare per le tasse causali. Le tasse proposte rientrano nei termini del regolamento ma a nostro avviso esulano dalle regole del buon senso. La tassa causale si pone come obbiettivo quello di far coprire i costi di smaltimento a chi provoca suddetti costi (Chi produce paga). Questo l’obiettivo diretto. In maniera indiretta la tassa si pone anche lo scopo di ridurre il volume di rifiuti portando la popolazione ad un’attenzione maggiore in merito agli acquisti effettuati e aumentando il livello di riutilizzo e riciclaggio di tutti gli scarti prodotti. In questo modo si va a ridurre l’impronta ecologica dei singoli nuclei famigliari e di conseguenza della comunità. Di conseguenza bisognerebbe favorire il riutilizzo al riciclaggio e questo allo smaltimento definitivo (Rifiuti solidi/ spazzatura indifferenziata).

La coscienza, specialmente quella ecologica, passa purtroppo spesso per il portafoglio e quindi vengono inserite le tasse causali. Queste però devono andare ad incentivare un atteggiamento corretto da parte della popolazione e di conseguenza non siamo in grado di comprendere come mai lo smaltimento di scarti vegetali tramite ‘giro del verde’ sia più caro rispetto allo smaltimento di pari volumi tramite sacchi della spazzatura (CHF 10 per 240L di verde contro i circa CHF 8.50 per lo stesso volume tramite sacchi). Ricordiamo che dal punto di vista ambientale il riciclaggio del verde è da favorire rispetto all’incenerimento.

Non siamo contrari alla tassa sul verde perché così si va ad incentivare il compostaggio che rimane ancora la soluzione ideale andando a ridurre anche il numero di camion che devono circolare per la raccolta. Questa tassa però non dovrebbe incentivare un atteggiamento sbagliato quale l’utilizzo di sacchi ufficiali per il verde.

La commissione della gestione aveva espresso il parere che “la vuotatura di questi contenitori (n.d.s. bidoni da 240L) non possa risultare più cara dello smaltimento dello stesso volume tramite sacchi ufficiali.”

Durante il consiglio comunale del 26 marzo 2018 il Municipio, per tramite del Capo Dicastero Rigamonti aveva rassicurato l’assemblea dicendo che il municipio avesse recepito le diverse suggestioni della commissione e le avrebbe considerate in fase di emanazione delle ordinanze.

In conclusione ci permettiamo di porre le seguenti domande:

1: Con che basi è stata determinata la cifra di CHF 10.00 per bidone da 240L di scarti vegetali?

2: Il municipio non ritiene che sia necessario abbassare la tassa causale per la vuotatura di bidoni per scarti vegetali?

Ringraziando per la gentile risposta, in stima

Frigerio Marco, Marvin Paolo, Lanini Noseda Giovanna, Ravasi Fomasi Daniela